Eventi

Eventi

Le manifestazioni folkloristiche e religiose in Sicilia

Impossibile raccontarle tutte: famose o sconosciute comunque appassionanti, ricche di suggestioni secolari e di fascino, solennità religiose o anteprime culturali, eventi mondani e spettacolari, le manifestazioni in Sicilia vanno ben oltre il folklore ed animano l´Isola per tutto l´anno.

La Sicilia in primavera si trasforma in un teatro di processioni che esprimono la centralità pasquale come momento di sintesi tra la religiosità pagana e quella cristiana. Tra le celebrazioni, quella dei Misteri di Trapani è certamente la più nota ma degna di attenzione è anche quella di Marsala (Trapani) e San Cataldo (Caltanissetta).Questa ha inizio il Mercoledì Santo con la Sacra Rappresentazione del processo di Gesù e prosegue il Giovedì Santo con la processione che vede l´Addolorata cercare e trovare il Cristo Morto. Il Venerdì Santo si assiste alla Scinnenza (deposizione del Cristo Morto nella vara) e ad un nuovo incontro tra l´Addolorata e il Figlio esanime con l´accompagnamento dei tamburi e delle lamentanze funebri. Per la Domenica di Resurrezione il trionfo della Vita sulla Morte è caratterizzato dalla presenza di undici giganti di cartapesta (i Sanpauluna) che rappresentano gli apostoli fedeli e accompagnano la Madonna all´incontro con il Figlio Risorto. Particolarmente suggestivo è il Giovedì Santo a Caltanissetta. Protagoniste sono le vare, gruppi statuari di carta pesta raffiguranti scene della Passione di Cristo e realizzati sul finire dell´Ottocento da una famiglia di noti artigiani su commissione delle varie corporazioni (panificatori, minatori, ortolani, gessai, etc.). Da non perdere lo spettacolo unico della festa pasquale nella vicina Pietraperzia (Enna) denominata "Lu Signuri di li Fasci" con il popolo in corteo per le strette stradine a sorreggere un imponente palo circondato da chilometri di stoffa bianca. Fuori dal ciclo pasquale molte altre feste meritano una segnalazione. Ben nota è la celebrazione della Santa Patrona di Catania, Sant´Agata che anima di fervore religioso il centro barocco della città etnea agli inizi di febbraio e culmina nella processione di cera delle candelore. Santa Lucia patrona di Siracusa é ricordata il 13 dicembre, data del martirio che la vide strapparsi gli occhi. In suo ricordo una sua statua d´argento di oltre tre metri di altezza, viene portata in processione dalla cattedrale di Ortigia alla basilica di Santa Lucia al Sepolcro. È della prima settimana di luglio la celebrazione di San Calogero (Agrigento), ma feste in suo onore si tengono in tutta l´area della provincia legate ad antichi riti pagani. Si comprende dunque l´orgia festiva che gli viene dedicata. Da non perdere la tammurinata di San Calò. Si intuisce la forza dei simboli legati al ciclo del pane; per la ricorrenza i fedeli praticano un digiuno devozionale e durante la processione dai balconi vengono lanciate forme di pane. Non meno suggestive le feste dell´area montana dei Nebrodi: a Capizzi (Messina) quella per San Giuseppe ed a luglio la festa del santo patrono San Giacomo.

 

Gli Eventi di Teatro e Musica

Uniche nel loro genere e parte ormai della tradizione culturale siciliana, aprono la stagione culturale d´inizio maggio. Sono le rappresentazioni classiche di Siracusa, organizzate dall´Istituto del Dramma Antico nella cornice unica del teatro greco della città, che a loro volta hanno dato spunto ad iniziative simili tra cui il Festival Internazionale del Teatro Classico dei Giovani a Palazzolo Acreide. Si pensi ancora alle rappresentazioni in seno al Teatro dei due Mari, spettacoli classici ambientati nei teatri di Taormina e di Tindari in provincia di Messina, le rappresentazioni del teatro di Segesta (Trapani), ed il più recente circuito dei Teatri di Pietra che animano nel corso dell´estate i siti archeologici minori (Palazzolo Acreide, Morgantina, ecc). Dall´antichità ai giorni nostri con le Orestiadi di Gibellina (Trapani), un festival che da maggio a settembre propone poesia, teatro, musica etnica con occhio attento alle nuove espressioni dell´universo culturale ed artistico del Mediterraneo. La cornice è il grande Cretto di cemento bianco firmata da Alberto Burri. Ancora teatro e musica si ritrovano ad animare le calde serate di piena estate della mondana Taormina nello scenario del teatro antico, con l´inesauribile cartellone di TaoArte che si conclude a fine ottobre. La musica etnica è al centro del Womad, il circuito ideato da Peter Gabriel per dare spazio ai nuovi talenti. Imperdibile per gli amanti del genere il Festival di Morgana (Palermo) incentrato sulla tradizione dei Pupi Siciliani. La musica lirica, sinfonica e contemporanea si celebra all´interno dei grandi teatri siciliani: a Palermo il Massimo ed il Politeama sede dell´Orchestra Sinfonica, il Bellini a Catania, il Vittorio Emanuele a Messina mentre negli ultimi anni sono fiorite rassegne estive di prestigio internazionale: è il caso dell´Etna Fest che da Catania si sposta nei paesi dell´Etna e propone il meglio degli artisti internazionali ed una nutrita sezione dedicata al cinema, oppure il più classico Luglio Musicale Trapanese. A Monreale, ritorna irrinunciabile l´appuntamento per appassionati ad inizio novembre con la Settimana di Musica Sacra nella spettacolare cornice del Duomo arabo-normanno.

 

Tra Cultura e Folklore

Anche il Carnevale siciliano assume toni grandiosi dettati dalla tradizione delle maestranze che per tempo lavorano con sapienza artigianale alla realizzazione dei carri allegorici. Parliamo dei Carnevali di Acireale (Catania), di Sciacca (Agrigento) e di Termini Imerese (Palermo) che nulla hanno da invidiare per bellezza dei carri e coinvolgimento popolare ai più famosi carnevali di Viareggio o Putignano. Non meno spettacolare per la sua ambientazione è
la Sagra del Mandorlo in fiore che a febbraio anima a festa la Valle dei Templi di Agrigento con cortei, musiche e danze, diventata ormai un appuntamento internazionale del folklore. Forse meno nota è la Danza del Taratatà di Casteltermini (Agrigento) evento che affonda le sue radici nella dominazione araba spettacolare per ritmi, costumi e scenografia. Sulle Madonie e nella Sicilia interna ritornano in agosto le rievocazioni medievali in costume d´epoca come per esempio a Geraci Siculo (Palermo) nel cuore del Parco delle Madonie in cui si rievoca la Giostra dei Ventimiglia. Ancora suggestioni da non perdere nella barocca Caltagirone (Catania) che veste di luci, le tipiche lumere, la splendida scala di Santa Maria del Monte la sera del 24 luglio e sempre a luglio, allestisce la colossale Infiorata, evento presente peraltro anche a Noto (Siracusa). Appuntamenti culturali di rilievo sono quelli legati alla figura di Luigi Pirandello cui la città di Agrigento dedica una Settimana di Studi Pirandelliani, mentre il bel mondo del cinema si riunisce oltre che a Taormina per il noto Festival di giugno anche a Lipari in occasione del premio Efesto d´Oro. Infine, evento simbolo di integrazione mediterranea, il Cous Cous Fest di San Vito Lo Capo (Trapani) in cui chef provenienti da tutto il Mediterraneo si sfidano per decretare il miglior cous cous dell´anno.

 

Gli Eventi Sportivi

Tra gli eventi sportivi che hanno per scena il mare siciliano ed altre località di particolare bellezza paesaggistica, alcuni hanno fatto storia. È il caso della Targa Florio, la più antica corsa su strada che si ricordi, disputata sulle montagne delle Madonie fin dall´inizio secolo, oggi celebrata anche in versione Rally Storico in tutta la Sicilia. Altri sono gli appuntamenti dedicati agli sport motoristici, a testimonianza di una vera passione ormai radicata: la cronoscalata di Erice (Trapani), le gare presso l´autodromo di Pergusa (Enna) ed il trofeo storico città di Cefalù ancora dedicato a Vincenzo Florio. Dai motori al mare, è la cornice tropicale della spiaggia di Palermo ad ospitare ormai da anni a metà maggio il circo del wind surf mondiale con il World Festival on the Beach, abbinato anche al beach volley, alla vela ed ai concerti serali di jazz. Nella piccola Ustica (Palermo) torna puntuale ogni estate la Settimana delle Attività Subacquee per gli appassionati di mare, grotte e fondali. Presso il Parco della Favorita di Palermo si tiene in settembre il Concorso Ippico Internazionale Coppa degli Assi appuntamento di primissimo piano per cavalieri ed amazzoni provenienti da tutto il mondo. Ancora Palermo con il suo clima invidiabile è sede della Maratona promossa dal Comune che vede sfilare centinaia di atleti per strade del centro in una domenica di inizio novembre.